Si ferma agli ottavi il cammino nella Uefa Women's Champions League del Brescia. La squadra allenata da Milena Bertolini, dopo la sconfitta per 1-0 subita all'andata al Rigamonti, cede per 3-1 al termine della sfida di ritorno in Danimarca contro il Fortuna Hjorring, formazione che invece aveva eliminato nella passata edizione (vittoria casalinga per 1-0 e pareggio esterno per 1-1). Non è bastato un avvio deciso ed un buon primo tempo alle leonesse per trovare il gol che avrebbe rimesso subito in equilibrio il doppio confronto. Il Brescia non riesce a concretizzare diverse occasioni. Il Fortuna le sfrutta tutte. Sul 3-0 per le danesi, a 9 minuti dal termine, arriva il gol di Manieri

LA GARA - Le biancoblu di Bertolini, che lascia in panchina Manieri schierando Tarenzi di punta, impiegano dieci minuti ad entrare in partita, ma da quel momento comandano la partita e controllano il gioco mettendo in difficoltà la squadra danese. Il Fortuna è pericoloso in fase di ripartenza e al 17’ Gama anticipa Larsen al limite dell’area piccola su un cross basso dalla destra salvando il Brescia. E’ l’occasione che sveglia definitivamente le leonesse che al 22’ vanno al tiro dalla distanza con Cernoia, alto. Al 27’ prima grande occasione, firmata Girelli, con un tiro a giro dal limite sinistro su cui vola Christensen con la mano di richiamo a deviare in angolo. Due minuti dopo, quasi dalla stessa mattonella, è Bonansea a tentare un pallonetto su cui ancora Christensen si ripete alzando la sfera in angolo. Al 33’ il Brescia rischia grosso nell’ennesima ripartenza con Olar che entra in area dalla sinistra trovando la pronta risposta di Marchitelli che allunga il diagonale in angolo. Al 36’ è il Brescia a favorire il Fortuna in occasione del gol, Bonansea perde palla in fase di ripartenza sulla trequarti, l’imbucata centrale è immediata con Olar sola davanti a Marchitelli che nulla può sul tiro della romena che vale l’1-0.
Ad inizio ripresa arriva la doccia gelata per il Brescia che subisce al 4’ il raddoppio del Fortuna in sospetta posizione di fuorigioco. Tiro di Heroum dal limite ribattuto dal palo, il pallone giunge a Larsen sola al limite dell’area piccola che non sbaglia. A nulla valgono le proteste biancoblu. Bertolini richiama Girelli ed inserisce Manieri passando al 4-4-2. Al 15’ Toghersen riceve in area dalla sinistra e di piatto cerca di piazzare il pallone di prima intenzione sul secondo palo con la sfera che esce di poco. Il 3-0 arriva al 22’, il Brescia in campo si disunisce allungandosi ed il Fortuna ne approfitta: Marchitelli rinvia corto per Salvai che spazza, il Fortuna conquista palla e serve subito Larsen al limite dell’area che calcia in porta segnando il gol della definitiva sicurezza. Le biancoblu cercano di restare in partita, al 35’ un colpo di testa di Sabatino termina di poco a lato, mentre al 36’ la neoentrata Lenzini va al cross dalla destra trovando pronta sul secondo palo che di piatto segna il gol dell’1-3. Al 40’ un tiro cross di Tarenzi colpisce il palo esterno ed esce. Nel finale annullata una rete a Tohghersen.

FORTUNA HJORRING – BRESCIA 3-1
FORTUNA HJORRING (4-4-2): Christensen; Hyyrynen, Gewitz, Damjanovic, Tamires; Thogersen, Heroum ( 47’ st Conc), Cordia, Olar; Hansen (25’ st Moller), Larsen (32’ st Bruun). A disp.: Harrison, Ringsing, Rask, Frank. All.: Sorensen.
BRESCIA (3-4-1-2): Marchitelli; Gama, D’Adda, Salvai (34’ st Lenzini); Bonansea, Mele, Cernoia, Fuselli; Girelli (7’ st Manieri); Sabatino, Tarenzi. A disp.: Ceasar, Bolchini, Ghisi, Eusebio, Serturini. All.: Bertolini.
ARBITRO: Monzul (Ukr).
MARCATRICI: 36’ pt Olar; 4’ e 22’ st Larsen, 36’ st Manieri.
AMMONITE: Tamires, Gama, Gewitz.