Foto credits: ©Zanardelli per Brescia-Juventus, ©Fiorentina

Una Juventus straripante si impone per 4-0 al "Club Azzurri" di Brescia e si porta al comando solitario della Serie A I Dolci Sapori. Nella tana delle leonesse, a ruggire sono le ragazze di Rita Guarino che con questa centrano la settima vittoria in altrettante gare di campionato. Trascinate dalla solita Barbara Bonansea, una delle tante ex in campo quest'oggi (sette compresa l'assente Valentina Cernoia), alle bianconere basta un tempo per chiudere i conti: sblocca Boattin su calcio rigore decretato dall'arbitro Canci per fallo di mano di Mendes, poi ci pensano Frannsi e Galli ad incrementare il vantaggio. Sotto di tre reti, nella ripresa il Brescia prova a reagire senza però creare reali pericoli nei pressi della porta difesa Giugliano, cosa che riesce invece alla Juve per il poker a firma Bonansea.

Nel prossimo turno la capolista affronterà la Fiorentina che torna a sorridere dopo tre partite senza vittorie. Al "Bartolozzi" di Scandicci le viola piegano il Chievo con lo stesso score delle prossime avversarie: in gol Caccamo (2), Brazil e Mauro, clivensi graziate in altre due occasioni dal palo e dalla traversa. Esordio in campionato per la norvegese Schjelderup, uno degli ultimi rinforzi per Fattori e Cincotta insieme alla connazionale Spord, ancora in attesa del transfer. I tre punti permettono alle campionesse d'Italia di sorpassare proprio la formazione di Zuccher e portarsi al 4° posto in compagnia dell'Atalanta.

La squadra di Garaviglia passa 2-1 sul campo del Sassuolo, ancora inchiodato all'ultimo posto. Botta e risposta tra nerazzurre e neroverdi nell'arco di un minuto con Alborghetti e Oliviero, nel secondo tempo Monterubbiano firma il raddoppio che vale il terzo successo di fila. L'Atalanta conferma il suo trend positivo in trasferta, 9 dei 12 punti li ha conquistati infatti lontana dalle mura amiche.

A due lunghezze dal Brescia troviamo il Tavagnacco che a San Zaccaria blinda il terzo posto. Anche senza la scozzese Lana Clelland, in panchina per un lieve fastidio al ginocchio, l'attacco gialloblu funziona a meraviglia: 5-1 al Ravenna, doppiette di Catena e della giovanissima Polli.

Primo successo casalingo per l'Agsm Verona, a farne le spese è la neopromossa Empoli. Longega, che deve rinunciare al capitano Soffia, fa debuttare il nuovo acquisto Hannula, ma è l'islandese Thorvaldsdottir a risultare decisiva con una doppietta personale. Prima che Bargi accorci a tempo ormai scaduto, le scaligere falliscono anche un calcio di rigore con la greca Kongouli.

Le toscane vengono così agganciate dalla Pink Bari che festeggia la prima vittoria in campionato. La formazione guidata da D'Ermilio supera di misura la Res Roma con un gol a pochi minuti dal termine a firma di Francesca Quazzico, promessa tarantina classe 2001.