N Nazionali

Nazionali

Presentazione

Alla FIGC è demandata la strategia di sviluppo del settore e l’attività delle Nazionali, che annovera da questa stagione 5 Selezioni, dalla A all’Under 16. Nella stagione 2015/2016, il 26 marzo 2015 il Consiglio Federale ha approvato le Linee programmatiche per lo sviluppo del Calcio Femminile con lo scopo di avviare un programma di rilancio del movimento calcistico femminile in Italia, finalizzato a produrre un miglioramento degli standard in termini quantitativi e qualitativi.
La FIGC promuove direttamente l’attività delle Squadre Nazionali Femminili e da questa stagione ha ampliato le formazioni Azzurre da 3 a 5: oltre alla Nazionale A, all’Under 19 e all’Under 17, che svolgono l’attività ufficiale all’interno delle competizioni FIFA e UEFA, sono state costituite l’Under 23, con il compito di far maturare le giovani calciatrici nel passaggio dall’attività giovanile a quella senior, e l’Under 16, che sarà la base di tutte le formazioni maggiori e rappresenterà il primo momento di formazione specifica delle giovani calciatrici in chiave azzurra.

Staff tecnico e dirigenziale

A guidare il percorso tecnico delle Nazionali Femminili è stato chiamato il campione del Mondo di Spagna ’82 Antonio Cabrini, al quale è stato affidato il ruolo di Commissario Tecnico della Nazionale A e di Coordinatore di tutte le Nazionali giovanili, replicando il modello attuato per le Nazionali Maschili con il CT Antonio Conte. Nei ruoli tecnici sono stati individuati allenatori con una lunga esperienza nel settore: Rosario Amendola all’Under 23, Enrico Sbardella all’Under 19, Rita Guarino all’Under 17, Massimo Migliorini all’Under 16. Anche nel ruolo di Capo Delegazione, la scelta della FIGC ha puntato a figure in grado di dare alle calciatrici dei validi punti di riferimento: Barbara Facchetti, Fiona May, Manuela Di Centa e Patrizia Recandio.
La Nazionale A nella stagione 2015/2016 impegnata nelle qualificazioni al Campionato Europeo UEFA ‘Olanda 2017’, la Nazionale Under 19 guidata da Enrico Sbardella e l’Under 17 guidata da Rita Guarino hanno superato brillantemente la prima fase di qualificazione ottenendo il pass per la Fase Elite dell’Europeo, la seconda fase della competizione, che metterà in palio a inizio 2016 il pass per le rispettive fasi finali.

Palmares

Tra i risultati ottenuti nella storia dalle Nazionali Femminili spiccano le 2 medaglie d’argento (1993 e 1997) e quella di bronzo (1987) conquistate dalla Nazionale maggiore nei Campionati Europei UEFA, il successo dell’Under 19 nell’Europeo UEFA del 2008 e le due medaglie di bronzo dell’Under 17 ai Campionati Europei UEFA del 2013 e al Mondiale FIFA del 2014.
All’interno dell’attività femminile, va inoltre citata la Nazionale Femminile di Calcio a 5, che ha fatto il suo esordio nel giugno 2015 nella splendida cornice del Foro Italico a Roma.

Azzurre per un giorno

“Azzurre per un giorno” è un format della F.I.G.C. che ha come obiettivi :
Incentivare e promuovere l’attività di Calcio Femminile presso le società e i Centri di sviluppo del Settore Giovanile e Scolastico;
Dare l’opportunità alle bambine e ai loro tecnici e/o dirigenti di vivere l’esperienza di un raduno della Nazionale Femminile;
Favorire la possibilità di fare riferimento alle giocatrici come modello di impegno e valori;
Rafforzare l’attaccamento alla maglia azzurra e a tutte le Nazionali;
Dare visibilità e favorire la crescita di testimonial ambasciatrici del Calcio Femminile;
Costituire parte del percorso di avvicinamento alla finale UEFA WCL nel contesto della progettualità generale della nostra Federazione per il Calcio Femminile;
Favorire l’informazione social e l’interesse dei media.
Alle partecipanti (40 giovani calciatrici per edizione) provenienti da società della regione interessata comprese le “neo tesserate” delle società professionistiche maschili viene consegnato all’arrivo un kit PUMA comprendente la maglia azzurra da indossare durante l’evento.
Il programma, che tiene conto delle esigenze e del tipo di raduno della Nazionale coinvolta, si sviluppa su una serie di attività:
Il momento dell’incontro, attraverso un aperitivo analcolico, tra le giovani calciatrici ed i propri idoli;
Il pranzo con le Azzurre: a tavola si approfondisce la conoscenza e si vive la familiarità del raduno;
La possibilità di assistere ad un allenamento e, se i tempi lo permettono, di allenarsi con le calciatrici azzurre;
Un meeting in cui si ha la possibilità di conoscere attraverso domande e risposte il Mister e le atlete, di cantare tutti insieme l’inno nazionale e di ricevere l’attestato di partecipazione a ricordo dell’esperienza vissuta.
Nel Media Center sono disponibili foto e video di ‘Azzurre per un giorno’.